4 FEBBRAIO 2017 – GRAZIE CAMILLA E FRANCESCO!

Sono proprio contenta, è stato un bellissimo matrimonio!

Oggi è una di quelle giornate dove arrivo alla sera fisicamente distrutta ma l’atmosfera di felicità che ho respirato grazie a questa bellissima coppia, mi ha fatto dimenticare ogni barlume di stanchezza!

Lo ammetto: ho la fortuna di creare spesso rapporti d’amicizia con i miei “sposini” e di vivere con loro forti emozioni, ma stasera mentre osservavo tutte quelle persone divertirsi e ridere ero soddisfatta più del solito, non solo del mio lavoro, ma anche del team di professionisti con cui avevo la fortuna di collaborare!

Musicista: troppo divertente e bravo  nel gestire i vari momenti del ricevimento, insomma se già all’aperitivo vedo tutti gli ospiti scatenarsi nelle danze…direi che è già un successone!

Fotografi: gentili, attenti e discreti, ho  visto alcuni scatti di questa giornata ed hanno saputo raccontare con estrema delicatezza i momenti più belli.

Fiori: stupendi! La semplicità di rose e lisianthus si sposava perfettamente con lo stile fresco e giovane del matrimonio. Si è creata cosi la giusta armonia di forme e colori, dove tutto risaltava e niente prevaricava.

Location: perfetta nel richiamare lo stile classico toscano, ma allo stesso tempo addolcito da richiami shabby.  Molti ospiti stranieri avranno certamente apprezzato questo tuffo nella campagna fiorentina.

Dolce: spettacolare! Quando Camilla mi ha mostrato la foto  della torta che voleva realizzare ero un po’ titubante, ma grazie alla mia pasticceria di fiducia è stato possibile una riproduzione perfetta, anzi ancora più bella (e buona!)

Cosa ha differenziato questo matrimonio dagli altri? Gli sposi, o meglio, il loro modo di voler vivere questo giorno.

Fin da subito, quando Francesco e Camilla sono venuti da me, ho capito quanto ci tenessero a creare per i loro ospiti la miglior atmosfera, il loro doveva essere un matrimonio, non un evento. Loro volevano che gli invitati stessero bene, volevano che entrassero a far parte del loro mondo, e che non stessero semplicemente ad ammirarlo. Hanno cosi saputo rendere unico il loro giorno.

Sembra una cosa banale ma è su queste piccolezze che certe volte vedo perdersi alcune giovani coppie. Attenzione, pensare “ma è il mio matrimonio faccio quello che voglio” può rivelarsi  un arma a doppio taglio.

Il mio consiglio è sempre quello di mettere gli ospiti nella condizione di  sentirsi complici, non  solo spettatori e di godere così dei vari momenti del ricevimento; allo stesso tempo è giusto che il matrimonio abbia al suo interno degli elementi che siano subito riconducibili agli sposi, al loro modo di essere,  cosi da renderete  il loro giorno UNICO.

Camilla e Francesco hanno fatto proprio questo. Tutti erano a loro agio: i parenti, gli amici, i colleghi di lavoro, ognuno  di loro si è  sentito come  parte attiva di ogni momento, tutti hanno  percepito l’attenzione che gli sposi hanno dedicato ai loro preziosi ospiti.

Sull’argomento “è il mio matrimonio faccio quello che voglio” ce ne sono di cose da dire….ne parleremo presto … mi piace pensare che passeremo tanto tempo insieme…;-) Stefania

Le nostre collaborazioni:

Musica: Paolo Agatensi

Fiori: Tutti i fiori

Wedding Cake: Dolce Lab

Fotografie: Carlotta Nucci

Location: Fattoria Pagnana